Italiano Français

L´Escarton di Oulx

Il Gran Bosco di Salbertrand.
Una limitata porzione del territorio di Pragelato, sul versante esposto a sud, è interessata dal Parco del Gran Bosco di Salbertrand.
L’area protetta si estende però principalmente nell’alta Valle Susa, sulla destra orografica del torrente Dora Riparia. Questa ampia formazione forestale ha rappresentato in passato una grande valenza economica, in quanto il legname veniva impiegato sia per usi militari sia per la creazione delle grandi travature impiegate nelle imponenti costruzioni commissionate dai Savoia come la Basilica di Superga e la Reggia di Venaria.
Interessante è la presenza dell’abete rosso, specie rara nelle alpi Occidentali caratterizzate da scarse precipitazioni, che  nel Gran Bosco è possibile grazie alla coesistenza di due fattori: un microclima particolarmente umido e l’esistenza di un ecotipo resistente all’aridità estiva. Nelle formazioni miste si ha una prevalenza di abete bianco a quote inferiori e dell’abete rosso a quote più elevate. Dai 1800 metri si notano anche il larice e il cembro. Sopra i 2000 metri la specie più diffusa è il larice, di cui si può sfruttare anche il sottobosco per il pascolo del bestiame, associato al pino silvestre.
In ciascun tipo di bosco troviamo una specifica flora arbustiva ed erbacea, e nell’intero territorio del Parco si contano oltre 520 specie di vegetali. Il solo ungulato originario della zona è il camoscio, mentre il cervo ed il capriolo sono stati introdotti negli anni Sessanta  in numero contenuto per poi conoscere una vera e propria esplosione demografica che  richiede anche la messa in atto di  azioni di contenimento per mantenere la buona salute dei boschi.



marchi

© 2008 - CASA DEGLI ESCARTONS - Via San Giovanni, fraz. Rivet - 10060 Pragelato (TO) - Tel. 0122.741028 - parco.valtroncea@ruparpiemonte.it